SEPOLTO VIVO 2.0
SEPOLTO VIVO 2.0 | SINGOLO

LITFIBA

TESTO · FILIPPO MARGHERI
MUSICA · FILIPPO MARGHERI · GHIGO RENZULLI

VOCE · FILIPPO MARGHERI
CHITARRA · GHIGO RENZULLI
BASSO · ROBERTO TERZANI
BATTERIA · PINO FIDANZA

Scrissi questa canzone di getto pochi giorni dopo la morte di mio zio, è infatti a lui che la dedico.
Ricordo ancora le facce di Ghigo e di Alberto Pirelli quando gliela presentai con la mia acustica sgangherata al parsifal… basiti direi… non risposero subito se gli piaceva o meno… ma li avevo colpiti.
Ho sempre pensato che la musica debba arrivare in qualche modo, che non sia importante un “bel canto”. Se una canzone ti prende e ti smuove qualcosa dentro che sia gioia o che sia angoscia od inquietudine o qualunque altra sensazione allora vale la pena crederci.
A Massimo, che tu possa sempre navigare sopra i mari del cielo.

Si ringrazia per le foto Annalisa Russo photographer e Claudia Picone photographer.

Grazie a Ricky Univers per il materiale video.

Non aprite i miei occhi ignorate il mio polso giudicando dai battiti io sono vivo ripensare ai miei sbagli trasparenti ricordi è un rimedio che serve nell’eterno far niente inevitabile differenza tra vivere e sopravvivere tre metri sotto terra tre metri sotto terra io tra pezzi di vita le ceneri hanno scoperto i miei scheletri polvere di viaggi puri ma dentro una bottiglia vuota inevitabile differenza tra vivere e sopravvivere a un metro sotto terra due metri sotto terra tre metri sotto terra io sepolto vivo